Discovering data-driven learning

Dettaglio della locandina: Italia e Francia evidenziate su una mappa

How corpora can help translators and learners of a second language

Friday, March 29, 2019 - 14:00
Sala Goldoni di Palazzo Gallenga

Giornate di studio italo-francesi (programma Cassini)

?rel=0&controls=0&showinfo=0" width="560">


Description

Language is the form of intangible cultural heritage that shapes our identity as human beings and allows us to interact with others. The enhancement of cultural heritage as a whole requires knowledge of languages to foster communication across cultures. As a result, innovation in the fields of translation and second language learning is a key component in fostering intercultural dialogue.

This proposed workshop brings together researchers from France and Italy, specialised in new technologies and developments pertaining to translation and second language learning. In particular, the invited speakers specialise in the potential of corpora (i.e.: computerised collections of authentically produced language texts) as an aid in translation, in the analysis of learner language, and as tools with which learners can engage directly for guided or autonomous learning. The direct use of corpora for learning purposes has become known as Data-driven learning (DDL).

Numerous studies advocate the benefits of DDL, and yet it remains a very little-known approach in the fields of both translation and second language learning.

This workshop seeks to provide an overview of how corpora can be used in different languages (Italian, French, English) and by different people (translators, language learners and language teachers). It wishes to counteract the skepticism surrounding the use of new technologies related to language, while providing a chance for attendees to express their thoughts in the 10-minute Q&A sessions following each 20-minute presentation, and during the round table that will conclude the workshop.

The general aim will be to discuss the limitations that can influence the integration of DDL in current translation, learning and teaching practices, drawing on the different experiences and points of view of the participants.

Descrizione

La lingua è la forma di patrimonio culturale immateriale che crea la nostra identità di esseri umani, e ci permette di interagire con gli altri. La valorizzazione del patrimonio culturale nel suo complesso richiede la conoscenza delle lingue per consentire la comunicazione tra le diverse culture. Di conseguenza, lo sviluppo del dialogo interculturale non può prescindere dalle innovazioni sia nel campo della traduzione, sia in quello dell’apprendimento di una seconda lingua.

La giornata di studi mira a creare uno spazio di incontro tra ricercatori provenienti dalla Francia e dall’Italia, specializzati in nuove tecnologie e nuovi sviluppi relativi alla traduzione e all’apprendimento di una seconda lingua. In particolare, i relatori invitati sono specializzati nel potenziale dei corpora (collezioni di testi in formato elettronico prodotti in contesti comunicativi reali) come ausilio nella traduzione, nell’analisi delle produzioni linguistiche di apprendenti, e come strumenti con cui gli apprendenti di una seconda lingua interagiscono per un apprendimento guidato dall’insegnante o autonomo. L’uso diretto dei corpora per scopi legati all’apprendimento è noto come Data-driven learning (DDL).

Nonostante sia supportato da numerosi studi che ne attestano i benefici, il DDL rimane un approccio molto poco conosciuto, sia nell’ambito della traduzione, sia in quello relativo all’apprendimento linguistico.

L'obiettivo di questa giornata di studi è quello di fornire una panoramica delle modalità con cui i corpora possono essere utilizzati in varie lingue (italiano, francese, inglese), e da varie persone (traduttori, apprendenti, e docenti di lingua). Si propone di mettere in discussione lo scetticismo che spesso circonda l’uso delle nuove tecnologie in relazione alla lingua, dando spazio ai partecipanti per esprimere le loro opinioni nei dieci minuti successivi a ciascuna presentazione, e nel corso della tavola rotonda che concluderà la giornata.

L’intento generale sarà quello di affrontare insieme le criticità che possono limitare l’integrazione del DDL nelle attuali pratiche traduttive, di apprendimento e di insegnamento, sulla base delle diverse esperienze e dei diversi punti di vista dei partecipanti.

The workshop is free and open to everyone.
To participate, all you need to do is fill in the registration form by 22nd March 2019.

La giornata di studio è gratuita e aperta a tutti.
Per partecipare, sarà sufficiente compilare il modulo di registrazione entro il 22 marzo 2019.

La giornata di studio è organizzata da Luciana Forti e Stefania Spina.